Come le microplastiche stanno influenzando la catena alimentare

Le microplastiche incidono sulla catena alimentare in modo negativo, inducendo danni ambientali più velocemente di quanto pensiamo. Ogni anno 236.000 tonnellate di microplastiche vengono drenate nei nostri oceani causando gravi preoccupazioni di contaminazione della nostra catena alimentare. Minuscoli pezzi di plastica sporca e fibre sintetiche che insieme formano un cumulo di rifiuti sono indicati come microplastiche. Essi intasano il nostro ecosistema filtrando nell'aria e nell'acqua.

Vengono persino incastrati in modo pericoloso all'interno di diverse forme di vita compresi insetti, pesci, mammiferi e uccelli. La diffusione delle microplastiche è stata estesa in lungo e in largo. Dalle spiagge della Florida alle gelide lastre dell'Artico non un centimetro di spazio è sfuggito all'assalto di detriti di plastica. Né gli skyline della città, né i terreni agricoli rustici potrebbero liberarsi dalla minaccia microplastica.

In che modo le microplastiche stanno influenzando la catena alimentare?

Le materie plastiche che entrano nel nostro cibo iniziano un viaggio nella punta iniziale della catena alimentare. A causa delle loro piccole dimensioni che misurano circa 5 mm, possono facilmente diventare parte della dieta per una serie di piante e animali.

I plancton che formano la fonte primaria di cibo marino sono suscettibili di ingerire microplastiche. Le scuole di piccoli pesci si nutrono di plancton che trasportano queste materie plastiche prima di essere mangiate da cugini predatori più grandi. Alla fine, nel processo, raggiungono gli ospiti umani e entrano nel nostro flusso sanguigno.

Il fatto che le microplastiche stiano influenzando la catena alimentare è ben consolidato in uno studio condotto nel 2008 da Mark Anthony Browne. I pezzetti di plastica ingeriti dalla vita non sempre svaniscono benevolmente attraverso il canale alimentare. Rappresentano un potenziale danno per gli organi interni dannosi che versano sostanze chimiche dal bisfenolo A perturbatore dell'ormone (BPA).

Il danno combinato causato dalle sostanze chimiche tossiche e dalle microplastiche gioca scompiglio con l'immunità, la riproduzione e la crescita sana degli organismi. In pratica, la seccatura influenza l'intero ecosistema che interferisce con la fertilità della terra che costituisce la base dell'agricoltura.

Una minaccia probatoria è in agguato con il profilo del microbo del suolo alterato e la crescita impedita della popolazione ittica derivante dalla contaminazione da microplastica. Non c'è quasi spazio per l'autocompiacimento dato che siamo seduti sulla cima di un vulcano addormentato. Più otteniamo l'accesso ai dati sulle microplastiche sulla dissacrazione ambientale più chiaro vediamo la sua possibilità di un'eruzione.

Conseguenze dannose delle microplastiche che si infiltrano nel sangue:

Se la presenza di rifiuti plastici nell'intestino è allarmante, il suo flusso in il flusso sanguigno è gravemente pericoloso. Gli studi condotti da M.A. Browne confermano che l'abrasione costante delle particelle di plastica contro gli organi interni porta a lesioni fisiche. L'infiammazione ne consegue e l'uso di un delicato rivestimento d'organo è l'esito finale.

Ulteriori scoperte sottolineano che il polimero colpevole nelle microplastiche all'interno degli organismi può attirare pesticidi e tossine dall'ambiente circostante. Si infiltrano nel letto di microplastiche già alloggiate in una forma di vita che invita a gravi rischi per la salute. Il danno epatico è una di queste potenziali disfunzioni di salute.

Quali ulteriori indagini rivelano?

 Le microplastiche

Le microplastiche stanno influenzando la catena alimentare è una realtà agitata e più importante è trovare strade per il combattimento. Un team guidato dall'ecotossicologo Marco Vighi dell'Istituto d'acqua IMDEA in Spagna sta esplorando il tipo di sporcizia assorbita da vari polimeri plastici. Sia che si scatenino in acqua o in parte in aria, diventano cibo per pesci e uccelli.

L'effetto sugli uccelli è altrettanto negativo che con le creature che vivono nell'acqua. Le microplastiche hanno un impatto più diretto sugli esseri umani attraverso diverse vie di consumo. Birra in scatola, acqua confezionata, sale racchiuso e persino acqua del rubinetto non sono a prova di microfibra. Un lavoro di ricerca condotto in aprile ha rivelato ciò e ulteriormente rilevato durante l'imbottigliamento di bevande, le particelle di fanghino filtrano attraverso

M.A. Browne aveva avviato un altro esperimento in cui piccole quantità di particelle sono utilizzate per l'intuizione medica. Con l'aiuto delle particelle, una dose irrisoria di farmaci viene introdotta in specifiche regioni del corpo umano.

L'obiettivo è quello di farsi un'idea di quanto velocemente le microplastiche possano permeare attraverso il sistema umano. La loro destinazione finale è, tuttavia, l'accumulo nel flusso sanguigno e l'osservazione importante è quanto velocemente ciò avvenga.

Esperimenti su criceti infusi con microplastiche rivelano particelle che possono precipitare nella coagulazione del sangue. Tuttavia, la quantità di particelle è un fattore decisivo. C'è sempre il limite di soglia oltre il quale le particelle sono considerate tossiche. Quella determinazione della soglia misura è davvero importante.

Il pervasivo pericolo di microplastiche:

Le microplastiche influenzano la catena alimentare è un termine troppo debole per descrivere la sua enormità. La minaccia è ben oltre la semplice plastica che mangia zanzare ed effetti sugli uccelli. Le microplastiche sono suddivise in parti più piccole da pezzi più grandi.

Vengono rilasciati nell'ambiente come prodotti finali di cosmetici come creme per il viso e dentifrici. I piccoli organismi non riescono a individuare la differenza e farne parte della dieta. Influenzano l'intero ciclo di vita degli organismi.

Prendi il caso di zanzare ingestione di microplastiche. Il ciclo di vita di una zanzara che mangia la plastica non si limita alla generazione di uova e alle larve che si contorcono nell'acqua. Frammenti di plastica rimangono nei loro corpi fino a quando non vengono trasformati in adulti. Mentre vola via per terra, si verifica la contaminazione della catena alimentare.

La domanda da un milione di dollari è di valutare in che misura questo danno ambientale causato dalla plastica si rivela essere. Le microplastiche in quanto tali non hanno alcun impatto negativo sulla durata della vita delle zanzare. Ciò che preoccupa è il ruolo delle larve nell'assorbire i bit di plastica dall'acqua e trasferirli sulla terra.

Creature terrestri come rane, uccelli e pipistrelli si nutrono di larve e imago. Le microplastiche dall'acqua ottengono un percorso diretto verso terra. Quando consumiamo uccelli a terra, un'anatra, per esempio, le materie plastiche entrano nel nostro cibo. Pezzi di plastica trovati negli animali possono persino ridurre l'appetito che influenza la crescita.

Sottoposto a ricerche per confermare l'entità del danno causato da zanzare ingestione di microplastiche:

 microplastiche-ingerite-zanzare "larghezza =" 800 "altezza = "532" srcset = "https://i1.wp.com/greendiary.com/wp-content/uploads/2018/10/microplastic-ingested-mosquitoes.jpg?w=600&ssl=1 600w, https: // i1 .wp.com / greendiary.com / wp-content / uploads / 2018/10 / microplastic-ingested-mosquitoes.jpg? resize = 216% 2C144 & ssl = 1 216w, https://i1.wp.com/greendiary.com/ wp-content / uploads / 2018/10 / microplastic-ingested-mosquitoes.jpg? resize = 300% 2C200 & ssl = 1 300w, https://i1.wp.com/greendiary.com/wp-content/uploads/2018/10 /microplastic-ingested-mosquitoes.jpg?resize=585%2C389&ssl=1 585w "sizes =" (larghezza massima: 800px) 100vw, 800px "data-recalc-dims =" 1 "/> </p>
<p> Gli studi di laboratorio mostrano che Le larve hanno una maggiore esposizione alle microplastiche rispetto alle zanzare adulte in roaming libero in un ambiente aperto. ione di campioni di zanzare provenienti da zone contaminate da pezzi di plastica. </p>
<p> Se il trasferimento della plastica tra fasi della vita in zanzare selvatiche avvenisse con lo stesso ritmo era l'oggetto dello studio. Le zanzare del laboratorio erano un metro di paragone. Un altro obiettivo era scoprire se il trasferimento ha luogo anche in altri insetti durante la metamorfosi. </p>
<p><!-- Quick Adsense WordPress Plugin: http://quickadsense.com/ --></p>
<p> Un recente esperimento ha rivelato che nell'ambiente ci sono più inquinanti plastici di quelli che vengono ingeriti dagli organismi. Più che contaminare l'ecosistema, le microplastiche danneggiano gli animali che si cibano di loro. Mentre è evidente che le microplastiche stanno influenzando la catena alimentare, è tempo che controlliamo il suo uso per impedire che le materie plastiche entrino nel nostro cibo. </p>
<p><span class= Dalle zanzare ai pesci: Come le microplastiche stanno influenzando la catena alimentare è stata modificata l'ultima volta: 22 ottobre 2018 di scrittore della comunità di Dr Prem

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *