Tessuti Naturali ed Ecologici

Una Guida ai Tessuti Naturali ed Ecologici

Decenni fa, i vestiti furono costruiti per durare e gli stili erano senza tempo. In questi giorni i tessuti sono economici, i modi stanno passando e le realtà dei nostri armadi a gettare sono rigidi.

Ma gli abiti fatti con tessuti autoproclamati sostenibili o ecologici non sono l’unico aspetto di fare un indumento verde, nonostante sia chiaramente una componente importante dell’evoluzione del tuo guardaroba.

La moda sostenibile significa che ti è stato dato l’informazione su dove vengono i vestiti, chi lo fa e cosa viene elaborato per assicurare che l’articolo sia degno del messaggio ecologico che sta sportivo.

Ecco un primer fondamentale su tessuti comunemente trovati naturali e ecologici, assicurati per aiutarti a porre le domande giuste e ad aggiornare il tuo guardaroba il più possibile consapevole.

Cotone organico: sta crescendo ovunque, da H & M al Gap.

Questa è una cosa buona: il cotone coltivato convenzionalmente impacca un pugno di pesticidi enorme ed è una delle colture più chimiche-cariche del mondo. “Sostenere l’industria del cotone biologico è un grande passo verde”, dice Rob Grand, proprietario di Grassroots Environmental Products.

“Non è solo la tua salute che stai sostenendo quando si acquista il cotone biologico ma anche un’economia e un metodo di agricoltura che è buono per il pianeta”.

Ma se il cotone biologico che acquisti non è anche assicurato di essere il commercio equo, o viene lavorato con coloranti convenzionali o trattato con sostanze chimiche come la formaldeide per impedirgli di ruggire nel viaggio all’estero, quella maglietta carina sta ancora lasciando un Un’enorme impronta sulla terra.

Quindi essere avvisati che le etichette non ti diranno tutto e che devi scavare più in profondità per ottenere tutta la storia. Quando possibile, cercare di acquistare il cotone biologico nelle tonalità naturali: crema, verde pallido e marrone chiaro.

Cercate anche indumenti colorati con coloranti naturali o vegetali o etichette credibili (come Eco-Cert) che indicano che il prodotto è certificato biologico, sostenibile e ecologico.

Seta: i junkies di lusso e di alta moda si rallegrano

La seta è intrinsecamente naturale perché è fatta da vermi di seta, non elaborazione sintetica a base chimica.

Ma c’è un inconveniente: i vegani non indossano la seta perché per arrivare alle fibre di seta, i vermi di seta vengono gettati in una vaschetta di acqua bollente una volta che il loro duro lavoro è completo. Se ciò sembra crudele, cercare una nuova generazione del tessuto: la seta di pace o la seta vegana (è sempre chiaramente etichettata, quindi non accettare sostituti).

Questa specie di seta è fatta dagli involucri del verme raccolti solo dopo che le falene sono emerse e si sono spostati. Provate anche a cercare la seta che è stata tintamente naturale e resa più vicino alla casa possibile.

Più facili da trovare sono favolosi abiti di seta per l’estate come quelli fatti da favolosa designer canadese Sonja den Elzen dei ladri.

Bambù

tessuti in bambooIl bambù riceve un sacco di eco-buzz perché è facile da coltivare senza pesticidi e è rapido per riempirsi.

Un altro vantaggio – ovvero commercialisti di bambù insistere – è che il tessuto di bambù è naturalmente antibatterico e respinge l’odore.

E ‘quando comincia l’elaborazione che potenzialmente perde il suo status eco: “Il bambù può essere bello e è un tessuto molto morbido, ma c’è una componente chimica alla fabbricazione che è piuttosto tossica”, dice Grand.

Poliestere

Il poliestere regolare è costituito da petrolio, che è un sottoprodotto di olio da lavorazione, e lontano dall’ambiente ecologico.

Mentre richiede ancora una lavorazione pesante, le aziende stanno cercando modi per creare poliestere in bottiglie di plastica riciclata o anche in tessuto di poliestere riciclato.

Il poliestere è probabilmente più verde quando è vintage: le boutique di seconda vita sono ricche di stili retrò che aggiungeranno un sacco di eco-funk al tuo stile.

Lyocell

Questo è il nome generico del marchio Tencel. È realizzato in polpa di legno, quindi è biodegradabile e riciclabile.

La produzione di questo tessuto coinvolge meno emissioni, energia e acqua rispetto ad altri tessuti più convenzionali, e non si sbianca neanche.

Inoltre è naturalmente privo di rughe, quindi non c’è bisogno di perdere tempo o energia per stirare! Non tutti i tessuti lyocell sono realizzati in legno sostenibile, pertanto controllare con attenzione le etichette.

E, come al solito, cerchi di trovare un prodotto tinto con un colorante a basso tenore di sostanze chimiche o vegetali.

Tessuti di Soia

Il tessuto di soia è fatto dai sottoprodotti di lavorazione dell’olio di soia ed è una buona opzione per biancheria intima e bras perché le sue lunghe fibre lo rendono morbido e setoso.

Basta assicurarsi che il tuo tessuto di soia sia certificato biologico, sostenibile e ecologico. Controllare anche che non si ottiene una “miscela di soia” meno eco che include il cotone in poliestere e inorganico nel mix.

Canapa

tessuti in canapaIl canapa è stato elencato come il tessuto finale ecologico perché non richiede prodotti chimici da coltivare.

È anche estremamente versatile e può essere utilizzato per creare tessuti robusti e robusti, anche corde o morbidi e delicati articoli (pensate di pigiami comodi o di una camicia da notte morbida).

La canapa è purtroppo non molto ben regolata, il che significa che esiste un piccolo monitoraggio delle sostanze chimiche che il raccolto può venire a contatto o dove è stato coltivato.

L’affermazione che è antibatterico, simile alle affermazioni di bambù, deve ancora essere pienamente autenticata e potrebbe essere più sul marketing che sulla verità.

Cashmere

Come sa chiunque abbia mai carezzato un cardigan di cashmere, sa che il tessuto è lussuoso. La fibra proviene dalla pettinatura dei sottovesti di capre di Kashmir, una specie di razza originaria dell’Himalaya, ma ora sollevata in tutto il mondo.

Forse meglio di tutti da en eco-prospettiva, è anche di lunga durata. Tuttavia, il cashmere a buon mercato è diventato popolare ma per mantenere il suo prezzo in discesa, è stato probabilmente trattato con prodotti chimici e tinto con tinture cancerogene, quindi fai attenzione a tali inter.

Può anche essere miscelato con altre fibre, come il poliestere. Un pezzo veramente verde di cachemir sarà probabilmente un investimento, ma lo tratterà anche per tutta la vita, rendendolo uno degli oggetti di guardaroba più ecologici che possiedi.

Biancheria

La vera biancheria è fatta di lino, un raccolto che richiede poche sostanze chimiche che controllano il parassiti. È anche meglio quando è un po ‘grintoso, quindi puoi risparmiare energia mettendo via il ferro.

Cercare lino in tonalità naturali, o tinto con coloranti naturali. Provate ad acquistare biancheria che è stata fatta da un’azienda di abbigliamento o tessuto eco-certificata. E, come al solito, fai attenzione alle miscele di lino o a quelli economici trattati chimicamente.

Alpaca

Le pecore di Alpaca non richiedono insetticidi da iniettare nel loro pile, sono abbastanza autosufficienti, non devono essere trattati con antibiotici e non mangiare molto. Sembra che abbiano preso l’idea di essere ecocompatibili su di loro!

La lana di alpaca è anche lunga durata, che può contribuire a compensare il fatto che il prodotto alpaca acquistato sarà probabilmente importato.

Ingeo

Questo è un nuovo tessuto fatto di zuccheri vegetali fermentati, di solito derivato dal mais. Questa è in realtà una delle sue insidie.

Dal momento che il mais coltivato convenzionalmente lascia un’impronta ecologica particolarmente ingombrante attraverso pesticidi, uso dell’acqua e sutura del suolo.

Ma fare Ingeo richiede quasi la metà dell’energia che fa per rendere il cotone, anche il cotone biologico, che gli offre alcuni vantaggi.

Ottenere il trucco

La linea di fondo quando si acquista un abbigliamento ecologico è quello di fare i tuoi compiti o fare acquisti in un rispettabile eco-friendly store di articoli o fornitori on-line che saranno in grado di valutare i fatti in anticipo.

“Viviamo ogni dettaglio perché è molto importante per noi”, dice Grand. “Molte aziende ti daranno un prodotto che è una miscela di cotone biologico, il che significa che potrebbe anche contenere poliestere.

Chiediamo tutti i tipi di domande: è il trim certificato, è il filo certificato? Anche se non lo è, almeno sappiamo e possiamo passare le informazioni ai nostri clienti “.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *